Aggiornato al 16/07/2020 15:17:05
22/06/2014

A "PEDRO” E BALDACCINI IL RALLY LANA STORICO

"Pedro", con Baldaccini sulla Lancia Rally 037 del RC Sandro Munari, ha vinto il Rally Lana Storico, quinto round del CIR Auto Storiche.

Pedro" e Baldaccini: terminata la prima giornata dietro a Negri per una manciata di secondi, sono stati i più veloci sulle ultime cinque prove speciali nelle quali hanno rimontato e superato il biellese, al volante della Audi Quattro.

Usciti il francese ex Formula 1 Erik Comas, velocissimo prima del ritiro per il bloccaggio del cambio della Lancia Stratos ed Elwis Chentre, dopo aver lottato per la  prima posizione con una Porsche 911, Nicholas Montini, navigato da Romano Belfiore, sale sul terzo gradino del podio e, meritatamente sul primo del 2. Raggruppamento e del trofeo Michelin, regolando sul  traguardo Omar Bergo, navigato da Alberto Brusati, quarto con la Porsche 911 BMT Scuderia Biellese.

Quinto assoluto s'è piazzato Roberto Montini, in coppia con Erika Zoanni sulla Porsche 911 Sc Gruppo 4, aggiudicandosi la classifica del 3. Raggruppamento.
Sesti i vicentini Paolo e Giulio Nodari su Porsche 911, Gustavo Trelles e Jorge Del Buono sono settimi appena davanti Federico Ormezzano, che con Alberto Mello è ottavo assoluto.

E' il cuneese Sergio Mano, assieme a Matteo Barbero, a distinguersi sulla Fiat 131 Abarth tra le vetture "Duemila", precedendo il veloce ma sfortunato Ivan Fioravanti, con Vincenzo Torricelli, decimo e secondo dei "duemila" con la Ford Escort MK2 Gruppo 4. Si segnala in una delle più belle gare della stagione il novarese Dino Vicario, con Marina Frasson alle note, primo della classe 2000 del 2. Raggruppamento e del Challenge Rally Autostoriche al volante della Ford Escort MK1 Luigi Zampaglione e Roberto Consiglio su Porsche 911 S centrano la vittoria nel 1. Raggruppamento, vetture costruite sino al 1969, precedendo Emanuele Paganoni e Marco Dell'acqua, anche loro su Porsche 2000 ma con problemi d'assetto. Il pilota bresciano, campione europeo di categoria, è primo a Biella dopo il ritiro dei siciliani Marco Savioli ed Alessandro Failla, fermati dalla rottura della puleggia dell'albero motore della BMW 2002 Ti mentre erano al comando della gara.

Vittoria di misura per Maurizio Cochis e Milva Manganone nella sfida biellese del Trofeo A112 Abarth, in vantaggio di 7"3 su Giorgio Sisani e Luigi Cavagnetto; podio completato dal diciottenne Alessandro Nerobutto, navigato da Francesca Nerobutto.

 

 

Nelle foto, Pedro-Baldaccini sul podio