Aggiornato al 19/11/2017 18:40:10
30/10/2017

ADRIA HA DECISO I CAMPIONI DI COPPA ITALIA ED ENTRY CUP

Oltre all’Europeo TCR, il week-end di Adria ha ospitato le gare del Gruppo Peroni Race, che hanno assegnato i titoli della Coppa Italia e della Entry Cup. Campioni 2017 sono Luciano Tarabini (Porsche 997 GT3 R – Autorlando Sport), Federico Borrett (Bmw M3 E36 – Borrett Team), Riccardo Ruberti (Seat Leon Supercopa – Super 2000) e Pietro Casillo (Renault Twingo).

Nella Coppa Italia GT la sfida era a due fra il leader di campionato Giuseppe Ramelli (Ferrari 458 Challenge – Pellin Racing) e Luciano Tarabini (Porsche 997 GT3 R – Autorlando Sport). Gara 1 è stata particolarmente combattuta con subito al via una serie di colpi di scena. Lo spunto migliore è di Riccardo De Bellis (Porsche 997 GT3 Cup) che dalla seconda fila si porta in testa dopo la prima curva. Ottimo start anche di Ramelli che sopravanza Tarabini. I due però vengono a contatto prima della esse con Ramelli ritenuto colpevole e penalizzato con un drive through, mentre Tarabini fortunato a non urtare le barriere è ripartito ultimo. Il suo forcing a ritmo di qualifica ha portato la sua GT3 davanti a tutti sotto al traguardo con Ramelli che ottiene il terzo posto dietro a De Bellis.

Meno combattuta Gara 2 con Tarabini lesto a scappare facendo l’andatura e De Bellis ancora a suo agio sul circuito di Adria. Ramelli costretto a vincere per sopravanzare nuovamente Tarabini è finito ai piedi del podio pagando in ottica campionato il peggiore scarto.

Nella Coppa Italia Turismo 1° Divisione la lotta era ristretta tra Federico Borrett e Luigi Bamonte (Honda Civic Type R TCR – MM Motorsport). Il primo colpo di scena in qualifica quando, in seguito ad una uscita di pista, Borrett ha alzato bandiera bianca ritirandosi. A Bamonte così serviva una vittoria e un secondo posto per tornare in vetta alla classifica. Massimiliano Gagliano (Seat Leon Cup Racer – Pit Lane Competizioni) non è stato dello stesso avviso e alla sua prima nel campionato si è aggiudicato con autorevolezza tutte e due le gare. In Gara 1 a due minuti dalla conclusione si è deciso il campionato con Bamonte, secondo, lungo al tornantino che ha perso la piazza d’onore in favore di Christian Maffei anche lui su una Leon della Pit Lane Competizioni. Meno avvincente Gara 2 con Gagliano sempre lepre irraggiungibile e Bamonte che supera già alla seconda tornata Luigino Tarantino subentrato a Maffei, ma ormai il nuovo campione è Borrett.

Nella 2° Divisione, col titolo nelle mani di Ruberti con una gara di anticipo l’attenzione è tutta per l’esito delle gare. Nella prima frazione Massimo Zanin (MINI Challenge) è partito meglio e ha condotto a lungo nonostante le tre costole rotte frutto di una caduta in bici della settimana precedente. Raffaele Lissignoli con un un passo migliore poco prima di metà gara è riuscito a mettere la sua Clio davanti a tutti. Sul finire di gara anche Armin Hafner (Alfa Romeo 147) ha superato Zanin, che si è rifatto in Gara 2

Pietro Casillo ha confermato la sua leadership nella Entry Cup laureandosi Campione 2017 già dopo gara 1. Proprio nel primo giro il rivale Massimo Visani è finito largo e perde il trenino di testa. Ad aggiudicarsi la gara è stato Pietro Silvestrini davanti allo sloveno Thomas Trcek e ad Antonello Casillo.

In Gara due in sette si sono alternati nelle posizioni di vertice scambiandosi nel ruolo di battistrada. Decisivo l’ultimo giro dove non sono mancati i contatti e alla fine l’ha spuntata Antonello Casillo, che ha conquistato anche il terzo posto nella classifica finale, dietro il fratello Pietro e Massimo Visani.

L’ultimo appuntamento con i fine settimana del Gruppo Peroni Race è fra due settimana quando a Vallelunga sarà di scena la XXVII Edizione della 6h di Roma e la quinta della Endurance 2.0.

Le ultime news