Aggiornato al 22/09/2021 09:34:00
08/09/2021

ALBON: TORNA IN F.1 CON LA WILLIAMS

Autore: Carlo Baffi

Un altro tassello si aggiunge al puzzle del mercato F.1 in vista del 2022. Dopo gli annunci di Bottas all’Alfa Romeo, di Russell alla Mercedes e la riconferma del duo Alpha-Tauri formato Gasly e Tsunoda, è stato ufficializzato il passaggio di Alexander Albon alla Williams. Il pilota thailandese con passaporto britannico, nato a Londra il 26 marzo 1996, fa così il suo ritorno nella massima serie, dopo aver perso il volante lo scorso anno in Red Bull, sostituito da Sergio Perez. E’ rimasto comunque al servizio della scuderia di Milton-Keynes come terzo pilota e s’è cimentato nel DTM. Già alla fine dell’agosto scorso però, iniziarono a circolare voci di un ritorno di Albon nel Circus, ciò grazie ad un cospicuo supporto finanziario da parte di Red Bull Corporation. E di questi tempi, una dote fa gola a tanti, tra cui la Wiliams. Ormai certo della partenza di Russell, Jost Capito team principal dell’ex scuderia di Sir Frank, ha individuato una soluzione ottimale: avere un pilota di qualità che porta soldi. Un movimento che però, a detta di Christian Horner team boss Red Bull, non ha incontrato i favori di Toto Wolff, gran capo Mercedes. Quest’ultimo non avrebbe gradito l’arrivo di un pilota Red Bull nel sistema Mercedes; ricordiamoci sempre che la Williams è motorizzata da Stoccarda. Controversie politiche che via via sono state risolte e quindi ecco il via libera all’ingaggio da parte della scuderia di Grove, che per la prossima stagione ha riconfermato il canadese Nicholas Latifi, attuale compagno di Russell. “Sono davvero entusiasta e non vedo l’ora di tornare alla guida di una F.1 nel prossimo Campionato – ha dichiarato Albon. Quando ti trovi escluso dai venti piloti titolari non hai mai la certezza di poter rientrare, per cui sono molto grato sia alla Red Bull che alla Williams di aver creduto in me e avermi aiutato a far ritorno sulla starting grid.” Entusiasmo anche dal fronte Williams:” E’ fantastico poter confermare la nostra formazione di piloti per il 2022 – ha affermato Capito – e sono lieto di dare il benvenuto in squadra ad Albon. Abbiamo due ragazzi giovani ma con esperienza ed è la giusta combinazione per il nostro team. Alex è uno dei giovani talenti del motorsport ed è cresciuto nel periodo trascorso con la Red Bull. I podi raggiunti evidenziano la sua velocità e siamo certi che si sentirà subito a suo agio nella nostra scuderia.” Ripercorrendo la sua storia, Albon esordì in F.1 nel 2019 reduce dal terzo posto assoluto in Formula 2 con la Dams. Venne schierato dalla Toro Rosso nel G.P. d’Australia dove giunse 14esimo, ma già dal secondo round in Bahrein conquistò i primi punti iridati con un nono posto. A partire dal Gran Premio del Belgio venne promosso in prima squadra, grazie all’avvicendamento con Pierre Gasly. Al volante di una monoposto più competitiva, il thailandese continuò a mostrare le sue qualità andando costantemente a punti. Suo miglior piazzamento, il quarto posto in Giappone per chiudere ottavo in classifica generale con 92 punti all’attivo. Riconfermato per il 2020, Albon finì 12 volte nella top-dieci, salendo due volte sul podio: due terze piazze nel G.P. di Toscana ed in Bahrein. Alla fine fu settimo con 105 punti. Ebbene, malgrado un ruolino di marcia più che onorevole, non gli venne rinnovato il contratto per il mondiale 2021. Una disavventura che è ormai acqua passata. Ora per Alexander è giunto il momento del riscatto.

Le ultime news