Aggiornato al 20/04/2019 01:09:53
03/02/2019

ALLA PORSCHE LA 12 ORE DI BATHURST

La Porsche ha colmato una delle poche lacune nei suoi straordinari palmares, vincendo la 12 Ore di Bathurst sulla pista di Mount Panorama. Autore dell’impresa il giovane australiano Matt Campbell con la 911 GT3 del Earl Bamber Motorsport che ha condotto un vero e proprio sprint nei minuti finali. Ben otto macchine hanno concluso nello stesso giro, ma Campbell ha potuto sfruttare il vantaggio di avere gomme più fresche rispetto agli avversari. Proprio l’acceso finale ha costretto Campbell che si è toccato con la BMW di Chaz Mostert, e i suoi compagni di equipaggio Dirk Werner e Dennis Olsen, ad attendere il verdetto, positivo! dei commissari sportivi prima di poter festeggiare.

Al secondo posto, staccata di 3”4 l’Aston Martin Vantage di Jake Dennis. Terza la Mercedes Marciello-Goetz-Buhk. Il pilota italiano è stato sfortunato. Uscendo dall’ultimo rifornimento la Mercedes AMG GT3 del team Group M ha stallato, e Raffaele ha perso una ventina di secondi, senza i quali avrebbe vinto la gara.

Quanto a Edoardo Liberati è settimo con la Nissan GTR Nismo GTR, al volante della quale si sono alternati Oliver Jarvis e Alex Imperatori. Ben otto sono i brand rappresentati nella top-ten, con la Ferrari di Spirit of Race nona.

Le ultime news