Aggiornato al 17/10/2019 15:38:51
23/06/2019

CIGT SPRINT: COMANDINI-JOHANSSON E POSTIGLIONE-MUL SI DIVIDONO LE VITTORIE

Nel secondo appuntamento del appuntamento del Campionato Italiano Gran Turismo Sprint, corso a Imola, Stefano Comandini ed Erik Johansson (BMW M6) e Vito Postiglione e Jeroen Mul (Lamborghini Huracan) si sono aggiudicati le due gare in programma.

In Gara 1, la vittoria di Comandini-Johansson è maturata nel corso dell’ultimo giro quando, all’uscita della safety car, Comandini ha avuto la meglio su Hudspeth, portando la sua BMW M6 GT3 sul gradino più alto del podio. L’equipaggio di BMW Team Italia ha disputato una gara tutta in rimonta, dopo essere scattato con Johansson dalla ottava posizione sulla griglia di partenza. Il giovane pilota svedese è stato bravo a mantenersi a ridosso delle prime posizioni, è rientrato subito ai box all’apertura della corsia per il cambio pilota e ha ceduto la vettura ad un coriaceo Comandino che ha recuperato posizioni portandosi al secondo posto al 17° giro dopo aver passato Casè. Con Hudpseth ormai nel mirino, Comandini ha guadagnato giro dopo giro sul portacolori dell’AF Corse, che ha tentato inutilmente di passare alla Rivazza al 24° giro. L’ingresso della safety car a tre giri dalla conclusione ha neutralizzato la gara, ripresa poi all’ultimo giro in occasione del quale Comandini ha avuto la meglio sul pilota di Singapore salendo con Johansson sul gradino più alto del podio. Alle loro spalle hanno concluso Fuoco-Hudspeth, dopo un primo stint al top del giovane pilota cosentino, ha condotto a lungo in seconda posizione dopo aver passato Veglia al settimo giro. Quest’ultimo, in coppia con Lorenzo Casè, è salito sul terzo gradino del podio, davanti a Drudi-Fontana (Audi R8 LMS), sempre al comando nel primo  stint. Il giovane pilota romagnolo, dopo aver ottenuto la pole, ha sempre occupato la prima posizione, mentre Fontana, dopo aver scontato l’handicap per il terzo posto di Vallelunga, ha controllato la gara nel finale chiudendo a ridosso del podio.

Al quinto posto ha concluso Nicola Baldan (Mercedes AMG GT3), davanti a Postiglione-Mul (Lamborghini Huracan) e alle due Ferrari 488 di Mann-Cressoni  e Di Amato-Vezzoni.

In GT Light, terza vittoria stagionale per Alberto Lippi e Giorgio Sernagiotto al volante della Ferrari 458 Italia con Lippi, passato a condurre al quinto giro dopo il sorpasso sul poleman Mattia Michelotto (Lamborghini Huracan-Antonelli Motorsport) e Sernagiotto che dopo il cambio pilota ha mantenuto la prima posizione fin sotto alla bandiera a scacchi, chiudendo davanti a Jirik-Paolino (Lamborghini Huracan-Iron Lynx) e a Mattia Michelotto, mentre si sono ritirati per un incidente nel corso del primo giro La Mazza-Nicolosi (Porsche 991 4.0-Duell Motorsport).

Si è assegnata nel post gara la vittoria di gara1 della GT4, dopo la penalizzazione di 5 secondi per partenza anticipata al rientro della prima safety car nei confronti di Fascicolo-Guerra, che hanno relegato i portacolori di BMW Team Italia al secondo posto. La vittoria è andata, così, a Giuseppe Ghezzi e Joel Camathias (Porsche Cayman-Autorlando), al termine di una bella rimonta dopo essere scattati dalla quarta posizione.

Nella seconda gara primi assoluti sono stati Vito Postiglione e Jeroen Mul (Lamborghini Huracan) che sono saliti per la seconda volta quest’anno sul gradino più alto del podio precedendo le due Ferrari 488 di Fuoco-Hudspeth (AF Corse) e Di Amato-Vezzoni (RS Racing). Col la vittoria odierna, Postiglione e Mul si confermano al vertice della classifica assoluta a quota 60, davanti a Fuoco e Hudspeth (42), Comandini e Johansson (36) e Rovera e Agostini (35).

Nella GT Light i leader della classifica Lippi-Sernagiotto (Ferrari 458 Italia-Ram Autoracing/Iron Lynx) hanno bissato il successo di gara-1 davanti a Mattia Michelotto (Lamborghini Huracan-Antonelli Motorsport), mentre nella GT4 il successo è andato a Fascicolo-Guerra (BMW M4-BMW Team Italia), saliti al comando della classifica provvisoria, precedendo Riccitelli-De Castro (Porsche Cayman-Ebimotors).

 

Le ultime news