Aggiornato al 16/07/2020 15:56:35
30/03/2017

CIR: IL SANREMO VISTO DAI PROTAGONISTI

Autore: redazione - FC

Per Paolo Andreucci il Rally di Sanremo si presenta come il terreno ideale per la rivincita sulla cattiva sorte che l’ha fermato in gara 2 al Ciocco. E’ una gara che Paolo conosce bene, l’ha vinta quattro volte, due di fila nel 2015-2016, tanto che può a aspirare al tris consecutivo per affiancare nell’albo d’oro Miki Biasion e Gilles Panizzi: “Il Sanremo – dice “Ucci” - è una gara molto affascinante, ricca di tanta storia, dove sono stati scritti memorabili capitoli del motorsport. Gara quest’anno con un bel chilometraggio, con prove speciali mediamente lunghe. Ci sono diverse prove difficili, indubbiamente la Mini Ronde da oltre 30 km fatta di notte sarà impegnativa e dovremo stare molto attenti. Un fattore ancor più importante del solito saranno le gomme: a Sanremo c’è molto grip e quindi il loro consumo sarà una discriminante importante. Come detto, poi, a causa della maggiore lunghezza delle varie prove speciali, la gestione della gara cambia nettamente rispetto al Ciocco. L’elenco partenti molto ricco, inoltre, contribuirà sicuramente a determinare una gara molto combattuta, in cui in molti lotteranno per la vittoria finale”.

Per Marco Pollara è la gara d’esordio nel Campionato Junior nella veste di pilota ufficiale Peugeot: “Il rally di Sanremo è una gara che mi piace molto. E’ una tappa del campionato molto tecnica, con prove veloci e molto strette. Con l'aiuto di Peugeot e Pirelli l'affronteremo con massima determinazione ma, allo stesso tempo, con la testa sulle spalle, al fine di portare a casa punti importanti, sia per il campionato junior che 2 ruote motrici, ma anche per la mia fantastica squadra Peugeot Italia. Inizia qui infatti il primo appuntamento del tricolore Junior e vogliamo dimostrare quanto valiamo».

Voglia di rivincita anche per Umberto Scandola sulle strade che hanno già visto il team ŠKODA sempre competitivo. Vincente nel 2014 con la Fabia Super 2000 e nella prima frazione del 2016 con la Fabia R5 con Scandola, nel 2012 e nel 2013 una ŠKODA della Casa Madre si era classificata al secondo posto con Jan Kopecký e Esapekka Lappi. “Non vediamo l’ora di ripartire nel Campionato Italiano per toglierci grandi soddisfazioni dopo il week-end poco proficuo del Ciocco” dichiara il pilota veronese. “Il Rallye di Sanremo arriva dunque al momento giusto per dimostrare il livello della squadra e della vettura. Non sarà facile quest’anno, assieme ai soliti migliori equipaggi nazionali sono presenti anche piloti ufficiali che corrono abitualmente nel mondiale, ma questo non ci deve preoccupare. Anzi sarà uno stimolo in più per far bene. Abbiamo svolto dei test alla vigilia che ci hanno dato dei segnali positivi e siamo ottimisti. Speriamo vada tutto nella maniera migliore e che le condizioni meteo rimangano costanti lungo il week-end”

“Siamo motivati e desideriamo disputare una gara consona alle potenzialità della vettura e poter usare tutta l’efficacia delle gomme Michelin, che su strade tanto impegnative sapranno offrirci diverse opportunità d’attacco dove gli pneumatici possono fare la differenza - sono le parole di Andrea Nucita prima dell’impegno ligure - Desideriamo gratificare i nostri partner ed i prestigiosi brand che ci hanno confermato piena fiducia e si sono congratulati per il lavoro svolto anche nelle situazioni più difficili. Marco ed io abbiamo ulteriormente affinato il feeling in macchina, mentre l’intesa con la squadra è scattata immediatamente, come quella con i tecnici Michelin, sempre pronti a fornire il necessario supporto”.

“Il Rally del Ciocco non si è concluso come volevamo – spiega Totò Riolo al via con l’Abarth 124 Rally di Bernini con la quale punta all’RGT e al trofeo monomarca dello Scorpione -  ma sono cose che fanno parte delle corse e sono da tenere in considerazione quando si gareggia con un’auto nuova e dal potenziale tanto alto - ha spiegato Riolo alla vigilia della trasferta ligure - adesso possiamo lavorare su una quantità maggiore di dati e su dei collaudi confermati in prova speciale. Le gomme Michelin sono senz’altro un punto di forza per come agevolano il sempre più efficace lavoro dell’assetto dell’auto. Abbiamo avuto ottimi riscontri anche nelle prove al buio ed a Sanremo dovremo percorre diversi Km con i fari supplementari. E’ molto entusiasmante il programma pianificato con CST e con tutti nostri partner in un Campionato ed un monomarca di grande rilievo, per cui adesso puntiamo al risultato pieno, anche se sappiamo che sarà dura”.

Nelle foto, Pollara ed Andreucci e, sotto, Scandola "in allenamento", Andrea Nucita  e Totò Riolo

CHIUDI X