Aggiornato al 19/11/2017 18:51:20
30/10/2017

CIRT: IL VAL D’ORCIA A TADDEI, IL TITOLO A DALMAZZINI

Il 9° Rally della Val d’Orcia che ha concluso il Campionato Italiano Rally su Terra e dato il via alla nuova edizione del Challenge Raceday, ha visto la vittoria di Alessandro Taddei e Andrea Gaspari con la Škoda Fabia R5 del Team S.A. Motorsport, mentre Andrea Dalmazzini e Giacomo Ciucci con la Ford Fiesta R5 della X-Race Sport hanno conquistato il titolo del CIRT.

Taddei ha preceduto di 14”9 Luca Hoelbling, navigato da Mauro Grassi, con un’altra Škoda Fabia R5, della S.A. Motorsport, che dunque a Radicofani ha fatto il pieno. Con Taddei trasparente ai fini del CIRT, Hoelbling ha conquistato il massimo dei punti per il tricolore, mentre Luciano Cobbe e Fabio Turco su una Fabia della Meteco Corse hanno sono andati a segno nel Raceday. Terzo posto assoluto per il bravissimo Marchito Bulacia, al debutto con la Skoda Fabia R5 del P.A. Racing, con la novità degli pneumatici Yokohama. Ottima la stagione del diciassettenne  boliviano. 

La gara, come nelle previsioni, si è rivelata molto difficile e complicata ed ha vissuto principalmente sulla possibile rincorsa di Ceccoli e Costenaro nei confronti di Dalmazzini, in chiave campionato, che poteva contare, alla vigilia di questo appuntamento finale, su un margine di vantaggio buono ma non del tutto rassicurante. Ceccoli quarto dopo l’ultima prova speciale, nonostante la foratura negli ultimissimi km, ha dovuto abbandonare la compagnia, addirittura nel trasferimento finale verso l’arrivo, causa un cedimento meccanico di un tirante della sua vettura, conseguenza diretta della precedente foratura. Stessa sorte per Giacomo Costenaro che nella prova numero tre di “Radicofani” ha sbattuto, con la conseguenza di tornare a casa anzitempo

9° Rally della Val d’Orcia

1) Taddei-Gaspari (Skoda Fabia R5) 35’19”1;
2) Hoelbling-Grassi (Skoda Fabia R5) a 14”9;
3) Bulacia-Cretù (Skoda Fabia R5) a 33”3;
4) Manfrinato-Condotta (Ford Fiesta R5) a 1’16”2;
5) Marchioro-Marchetti (Peugeot 208 T16 R5) a 1’24”1;
6) Dalmazzini-Ciucci (Ford Fiesta R5) a 1’26”3;
7) Ciuffi-Gonella (Peugeot 207 Super2000) a 1’35”7;
8) Cobbe-Turco (Skoda Fabia R5) a 2’05”1;
9) Pierangioli-Neri (Mitsubishi Lancer Evo IX)  a 2’07”6; 
10)  Versace-Caldart (Ford Fiesta R5) a 2’53”0. 

Classifica finale Campionato Italiano Rally Terra

1) Dalmazzini 62,25;
2) Ceccoli 48;
3) Costenaro 47,75;
4) Hoelbling 44,75;
5) Marchioro 43,75;
6) Manfrinato 22,5.

 

Le ultime news