Aggiornato al 21/04/2021 16:38:22
08/05/2016

COPPA ITALIA: DOPPIETTE IN TUTTE LE CATEGORIE

Sono stati tre i protagonisti assoluti del weekend di Misano della Coppa Italia con Stefano Valli mattatore fra le GT, Massimo Zanin imprendibile nella Turismo e Roberto Del Castello nella Bmw Open Cup.

In Gara 1 della GT le posizioni in griglia vengono confermate anche a podio con Valli che precede Luciano Tarabini (Porsche 997 GT3 R) e Maurizio Fondi sulla identica vettura della Autorlando. Molto più combattuta invece la sfida per la supremazia della classe Cup con cinque Porsche 997 GT3 Cup. Qui il poleman Riccardo De Bellis al via viene sfilato da Enrico Quinzio (991 GT3 Cup) e da Alessandro Mazzolini. De Bellis però in un paio di tornate riesce a riportarsi in testa con Mazzolini anche sfilato momentaneamente da “Togo”. Un contatto fra Quinzio, Massimo Valentini e Domenico Zonin pone fine alla gara di quest’ultimo e a quella di Quinzio che rientra ai box. Per rimuovere la vettura di Zonin la Direzione Gara usa la Safety Car e al restart, quando mancano poco meno di sei minuti alla bandiera a scacchi ecco l’ultimo colpo di scena con De Bellis sfilato da Mazzolini per una incertezza del primo.

Uno scroscio di pioggia cinque minuti prima del via di Gara 2 rimescola parzialmente i valori in campo con tutti i presenti con gomme intagliate. Al via Valli riesce a difendere la testa ma già al secondo passaggio Fondi porta l’affondo e conquista la testa. La sua leadership dura due tornate fino a quando Valli alla curva 4 porta il suo attacco e riesce a passare di nuovo in testa portandosi dietro anche Tarabini. Solo quattro giri dopo Fondi riesce a recuperare la piazza d’onore complice anche una incertezza del compagno di colori. Nella sfida fra vetture in configurazione trofeo lo spunto di De Bellis è il migliore e nonostante un paio di lunghi riesce ad aggiudicarsi la vittoria di classe davanti a Mazzoli e “Togo”. Doppietta per Massimo Regni in classe GT Cup 2.

Nella Coppa Italia Turismo, Zanin replica la prestazione in qualifica conquistando Gara 1 e con lui sul podio salgono Riccardo Fumagalli (Bmw M3 3.2) e Mariano Bellin. Se le prime tre posizioni sono presto definite più avvincente la sfida nelle altre classi con in particolare il duo di casa Red & Blu con De Luca che sorprende la via Ranzato per poi però dover cedere strada sotto la bandiera a scacchi.

In Gara 2 nuovo monologo di Zanin che conduce da bandiera a bandiera con Alberto Fumagalli capace, come il figlio in mattinata, di mettersi dietro Mariano Bellin. In realtà l’ordine di arrivo di Gara 2 ricalca in maniera esatta quello di gara 1 con tuttavia Luca Pinato al posto di Carlino Ranzato. Proprio loro due sono nuovamente i protagonisti della sfida più accesa.

Roberto Del Castello pone fine alla egemonia di Federico Borrett nella Bmw Open Cup e, dopo aver conquistato la pole, si ripete in gara nonostante un avvio poco brillante quando era stato sfilato da Borrett. Al terzo giro però Del Castello si riporta in testa e non la lascerà fino al traguardo. Terza piazza per il rientrante Leonardo Solla che si dimostra dunque anche il più bravo nella Classe N 3.2 regolando Massimiliano Milli e Massimo Orlandini.

Del Castello si ripete anche in Gara 2 con Borrett che nuovamente fa del suo meglio ma si deve arrendere al rivale. In Classe N invece la vittoria va ad Armando De Vuono che ha preso il posto di Massimo Orlandini. Nuovamente terzo Massimiliano Milli dietro a Leonardo Solla.