Aggiornato al 18/11/2018 00:52:15
01/09/2018

DA TEX ALLA FERRARI

Autore: Carlo Baffi

La SF71H di Kimi Raikkonen che irrompe frontalmente, sormontata dalla Ferrari di Alberto Ascari, del quale ricorre il centenario della nascita. Una monoposto a colori e un’altra rigorosamente in bianco e nero, mettendo in evidenza le due diverse epoche. Denominatore comune il mitico Tempio della Velocità, rappresentato sullo sfondo sia con il layout del tracciato monzese, che da una delle due storiche torri di segnalazione che dominano il rettilineo d’arrivo. E’ questa l’immagine scelta dalla Ferrari per presentare il G.P. d’Italia 2018. E’ l’ultima nata dell’originale iniziativa “Ferrari Cover Arts”, che dalla stagione 2017 dedica ad ogni round del mondiale, un’interpretazione grafica da parte dei più grandi illustratori e fumettisti internazionali.

Il prestigio di raffigurare la corsa di casa è toccato a Claudio Villa, uno dei maggiori disegnatori dell’universo contemporaneo delle cosiddette nuvole parlanti . Villa nato a Lomazzo nel 1959, grazie al suo talento s’è affermato grazie alle tavole e alle copertine delle avventure di storici personaggi della Sergio Bonelli Editore. Da Martin Myster a Dylan Dog, fino al celeberrimo Tex Willer. Data la sua passione per il motorsport, Villa ha realizzato anche alcune copertine di Autosprint, dedicate a numeri, o ad eventi speciali.

 

Le ultime news