Aggiornato al 20/09/2020 16:56:19
16/01/2012

DAKAR FINALE: DESPRES E PETERHANSEL CAMPIONI

Autore: GBC

La Dakar 2012 è un affare tutto francese, con Cyril Despres e Stephane Peterhansel che si sono aggiudicati la gara, il primo, al quarto successo, tra le moto ed il secondo, dieci volte primo in una Dakar, tra le auto.

A Lima sono arrivate 97 moto, 12 quad, 78 automobili e 60 camion, cioè, 249 dei 443 veicoli partiti da Mar del Plata.
 

Dopo 8.300 chilometri il distacco del secondo motociclista arrivato, Marc Coma, ed il francese, entrambi su KTM, è di 53'20, aumentato considerevolmente negli ultimi giorni per i problemi al cambio sofferti dal pilota spagnolo,  che gli hanno impedito di difendersi quando era leader della classifica. Il pilota è poi anche stato costretto a sostituire il motore, cosa che gli è costata una penalizzazione di 45’ che lo ha messo definitivamente fuori gioco.

Terzo posto finale per un costante Hélder Rodrigues, con una Yamaha YZF. Quarto posto per Jordi Viladoms, con una KTM del team Bordone-Ferrari, lo stesso di Alessandro Boturri, alla fine splendido ottavo a poco meno di tre ore da Despres, e miglior esordiente.

Laia Sanz ha vinto la categoria riservata alle donne e Stéphane Hamard quella dei motociclisti senza assistenza.

 

 

Tra le auto, successo delle Mini che si sono aggiudicate otto prove su tredici con quattro piloti differenti. L agara si è risolta con un duello tra Stéphane Peterhansel e Nani Roma, risolto nelle ultime prove. Alla fine, Stéphane Peterhansel ha conquistato la sua quarta vittoria nella categoria auto (la prima in Sudamerica) con un margine di 41'56" su pilota spagnolo. Terzo posto finale per il regolare Giniel de Villiers, con l’esordiente Toyota ancora in fase di sviluppo.

Delusione in casa Hummer, con Robby Gordon che alla fine deve accontentarsi del quinto posto, tra l’altro sub iudice per irregolarità al suo H3 rilevate dai commissari al termine della tappa da Iquique ad Arica, con tre vittorie di tappa ma oltre due ore di distacco dal vincitore, e con  Nasser Al-Attiyah ritirato.

 

I quad sono stati monopolizzati dagli argentini, con Alejandro Patronelli vincitore davanti al fratello Marcos, che ha perso tutte le sue possibilità qundo a perso più di un ora nella settima tappa. L’unico a contrastare i due fratelli è stato Tomas Maffei, alla fine terzo, ma con quattro vittorie di tappa al suo attivo. Sesto posto finale per l’italiano Roberto Tonetti e non per Camelia Liparoti.

 
L’armata Iveco cel’ha fatta a vincere la Dakar dei camion, con Gerard de Rooy che, perso anche l’unico vero antagonista non Iveco, Aleš Loprais fermato da un incidente, si è aggiudicato la gara con cinque vittorie di tappa e quasi un ora di vantaggio sul compagno di squadra Stacey e quasi due sul kazaco Ardavichus. Sfortunato Miki Biasion, vincitore anche dell’ultima tappa, che ha perso moltissimo ytempo nella settima tappa per problemi meccanici.
 
 
Nelle foto, Stephane Peterhansel, Cyril Despres, i fratelli Patronelli con Maffei e Gerard de Rooy