Aggiornato al 16/09/2019 06:30:02
21/05/2019

E’ MORTO NIKI LAUDA, UNO DEI PIU’ GRANDI CAMPIONI DELLA F1

Autore: Carlo Baffi

Nella notte tra il 20 ed il 21 maggio, Niki Lauda è mancato, causa le complicazioni renali mentre era ricoverato in una clinica Svizzera, assistito dai suoi familiari. Il tre volte iridato di F.1 aveva 70 anni, ma il suo fisico era decisamente provato. Il terribile incidente occorsogli al G.P di Germania del 1976, aveva non solo segnato il suo volto per via delle fiamme che avevano avvolto la sua Ferrari 312T2, ma compromesso anche il suo apparato respiratorio. Negli anni seguenti aveva subito un trapianto di reni, poi di un polmone e nel gennaio scorso era finito in terapia intensiva per via di un’influenza che l’aveva colpito durante un soggiorno ad Ibiza. Complicazioni da cui però s’era momentaneamente ripreso. Ciò grazie al suo temperamento tenace che dopo il rogo del Nurburgring gli aveva permesso di risalire in macchina a poche settimane dallo schianto, con le ferite ancora aperte.

Nel 1975, Lauda aveva conquistato il suo primo titolo mondiale nel G.P. d’Italia a Monza, riportando il mondiale piloti alla Ferrari dopo ben 11 anni. Due anni dopo, l’austriaco saliva nuovamente sul trono iridato ancora come portacolori del Cavallino, dimostrando a tutti, Enzo Ferrari in primis, di esser tornato il fuoriclasse di prima. Consumato il divorzio con Maranello, Lauda emigrò alla Brabham-Alfa Romeo ingolosito dall’ingaggio offertogli dallo sponsor Parmalat. Le tante aspettative furono però tradite e nel ’79, il campione abbandonò il Circus per dedicarsi alla sua neonata compagnia aerea. Un ritiro temporaneo, perché tre anni dopo risalì al volante di una monoposto, la McLaren. Malgrado l’evoluzione tecnica, Niki sfoderò tutta la sua abilità di collaudatore e nel 1984, si laureò campione per la terza volta. Nell’85 avvenne il suo definitivo ritiro dalle competizioni, ma senza abbandonare il paddock, dove restò in veste di commentatore televisivo e consulente per alcuni team, tra cui la Ferrari . Nel settembre 2012, Lauda venne nominato Presidente Onorario della Mercedes, partecipando alle recenti stagioni trionfali delle Frecce d’Argento, sempre presente ai box sul ponte di comando insieme a Toto Wolff.

Clicca sotto per leggere

Niki Lauda, l'uomo che visse tre volte

Niki Lauda - Il grande campione di F1


Le ultime news