Aggiornato al 22/08/2019 16:06:56
12/05/2019

ELMS: VITTORIA DEL G-DRIVE ALLA 4 ORE DI MONZA:

Alla 4 Ore di Monza il G-Drive Racing ha bissato il successo ottenuto nel 2018 salendo sul gradino più alto del podio con la Aurus #26 di Roman Rusinov, Job Van Uitert e Norman Nato che, partiti dalla prima fila, sono riusciti a mantenere per gran parte della gara la prima posizione tagliando il traguardo con oltre 2 secondi di vantaggio sulla seconda LMP2. Durante la gara una serie di Full Corse Yellow e safety car hanno ricompattato più volte il gruppo avvicinando i primi tre ma alla fine ad avere la meglio è stato appunto l’equipaggio del team russo con Van Uitert che segna anche il giro più veloce della gara (1:36.979), seguito dall’Oreca #28 dell’Idec Sport di Paul Lafargue, Paul Loup Chatin e Memo Rojas. In terza posizione, la United Autosport #32 condotta da Ryan Cullen, Alex Brundle, William Owen. Solo ottava posizione finale per l’Oreca del Cool Racing dei polemen Lapierre, Borga e Coigny mentre la Cetilar Villorba Corse di Lacorte, Sernagiotto e Belicchi si à dovuta fermare dopo 35 giri per un problema all’idroguida già emerso nei giorni scorsi e ripresentatosi in gara.

Nella classe LMP3 trionfa a sorpresa la Eurointernational #11 che era partita dalla penultima fila della griglia. Mikkel Jensen e Jens Petersen festeggiano così sul podio di classe con la Inter Europol Competition guidata da Martin Hippe e Nigel Moore e la United Autosport #2 di Wayne Boyd, Garett Grist e Tommy Erdos.

In LMGTE dopo la pole position, la Porsche 911 della Dempsey Proton Racing si è dimostrata l’auto più performante della 4 Ore di Monza con Christian Ried, Riccardo Pera e Matteo Cairoli vincitori di classe davanti alle due Ferrai del JMW Motorsport e del Luzich Racing, 

 

Foto © Massimo Campi

ELMS_MONZA_2019_6_MC


Le ultime news