Aggiornato al 18/11/2018 01:06:31
28/08/2018

F1 GP ITALIA: ANTEPRIMA ED ORARI TV

Dopo il ritorno alla vittoria di Vettel e della Ferrari nello scorso weekend a Spa, la Formula 1 si trasferisce subito a Monza per il Gran Premio d'Italia, tappa storica del campionato e uno dei soli quattro presenti in calendario fin dalla prima edizione.

Ridotto a 17 punti il distacco da Hamilton nella classifica piloti, Vettel e la Ferrari arrivano al circuito brianzolo, soprannominato il “tempio della velocità” per via della rapidità con cui viene percorso, con una monoposto che, come a Spa, li rende favoriti e con la possibilità di ridurre ulteriormente lo svantaggio anche nella classifica costruttori.

A Monza quello che serve è la velocità sui lunghi rettilinei ed in entrata ed uscita dalla chicane, e in Belgio la SF71H ha dimostrato le sue potenzialità grazie anche ad un propulsore decisamente competitivo.

Per la sua gara di casa, la Pirelli ha nominato i pneumatici P Zero White medium, Yellow soft e Red supersoft, gli stessi colori scelti nelle ultime due edizioni del Gran Premio d’Italia, con la differenza che quest’anno le mescole sono più morbide di uno step rispetto al 2017.

Come in Belgio, anche a Monza le vetture presenteranno un basso carico aerodinamico e con le monoposto 2018 che si sono dimostrate le più veloci di sempre, con un progresso di prestazione che si produce soprattutto in curva, c’è da aspettarsi che anche nel tempio della velocità vengano battuti i record …meteo permettendo (ricordiamoci della pioggia torrenziale che ha disturbato le qualifiche della scorsa edizione).

Nel 2017, la maggior parte dei piloti ha optato per un solo pit stop, con il giro più veloce in gara inferiore oltre due secondi rispetto al 2016 e con una strategia alternativa soft-supersoft Daniel Ricciardo è riuscito a chiudere al quarto posto dopo una rimonta di 12 posizioni rispetto alla partenza dopo una penalizzazione in griglia.

“Per il Gran Premio d’Italia avremo le stesse mescole nominate per la gara in Belgio dello scorso weekend” spiega Mario Isola, Responsabile Car Racing della Pirelli. “Quello di Monza è un tracciato storico che esalta i carichi longitudinali e dove le prestazioni del motore sono particolarmente importanti. Le monoposto attuali porteranno a velocità davvero elevate, con mescole che, a parità di nome, sono di fatto più morbide di uno step rispetto alle equivalenti del 2017. Sarà molto interessante vedere quale effetto avrà questo fattore, in una gara in cui negli ultimi anni quasi tutti i piloti hanno optato per un solo pit stop. La qualifica è tradizionalmente cruciale a Monza, anche se l’incredibile rimonta di Daniel Ricciardo nel 2017 ha dimostrato come la strategia in gara possa davvero fare la differenza. I Team hanno optato per scelte molto varie dei set disponibili per questo fine settimana, scelte che potenzialmente dimostrano diversi approcci in vista della gara”.

Spettacolo anche fuori dall’autodromo: Milano ospiterà l’F1 Fan Festival e mercoledì, Ferrari e Sauber saranno impegnate con alcuni giri dimostrativi su un circuito stradale nella zona dei Navigli, mentre il ricco programma di “Monza fuori GP” sabato 1 settembre vedrà anche in Piazza Trento e Trieste la Scuderia del Portello con un’esposizione di F1 e Prototipi Alfa Romeo storici.

Il GP d’Italia in TV

Venerdì 31 agosto

Prove libere 1: 11.00-12:30 - diretta su Sky SportF1 HD e Rai Sport + HD
Prove libere 2: 15.00-16:30 - diretta su Sky SportF1 HD e Rai Sport + HD

Sabato 1 settembre

Prove libere 3: 12:00-13:00 - diretta su Sky SportF1 HD e Rai Sport + HD
Qualifiche: 15:00-16:00 - diretta su Sky SportF1 HD, su Rai 2 e su TV8

Domenica 2 settembre

Gran Premio d’Italia: ore 15:10 - diretta su Sky SportF1 HD, su Rai 1 e su TV8

Le ultime news