Aggiornato al 19/11/2017 18:57:39
17/07/2017

F1 GRAN BRETAGNA: COSE BELLE E BRUTTE DI SILVERSTONE

Autore: Marco Giachi

La cosa più bella di questo Gran Premio d'Inghilterra è stata quando Lewis Hamilton, nel giro d'onore, è uscito dal tracciato per avvicinarsi al pubblico che lo acclamava. Una scena da stadio quando il calciatore che ha fatto goal va sotto la curva a salutare i propri tifosi. Per un attimo ho anche sperato che Lewis rispolverasse l'abitudine di Didier Pironi di togliersi il casco durante il giro di rallentamento per salutare i tifosi a viso scoperto. Oggi, se qualcuno lo facesse, sarebbe senz'altro sanzionato dagli irremovibili commissari per avere infranto il cerimoniale e in virtù di una abusata ricerca di sicurezza (argomento molto sfruttato per giustificare decisioni altrimenti ingiustificabili), ma sarebbe carino. Chissà dove erano i "nuovi padroni del vapore" negli anni '80 quando vinceva Pironi e se guardavano i Gran Premi. Se si, potrebbero essere a conoscenza di questa abitudine e ripristinarla. Per contrasto vengono in mente certi Gran Premi - tristissimi - in paesi esotici con le tribune deserte e l'indifferenza degli spettatori che si recepisce anche in televisione.

Bello il duello fra Sebastian Vettel e Max Verstappen che ha, anche questo, riportato alla mente il passato, nella fattispecie l'ultimo giro di Digione 1979 e la lotta per il secondo posto fra Rene Arnoux e Gilles Villeneuve. E bello che i due non siano stati sanzionati.

Brutto, almeno per coloro che stanno dalla parte della Ferrari, è stato il risultato della gara: un terzo ed un settimo(!) posto non possono certo essere considerati un bel risultato e soprattutto non è bello che questo risultato sia stato maturato per ragioni squisitamente tecniche senza poter invocare le circostanze avverse o la malasorte o una strategia poco felice. Anche la foratura, invocata inizialmente per attribuire una certa dose di sfortuna al settimo posto di Vettel, è stata - correttamente - classificata da Mario Isola boss della Pirelli come "foratura da stress" quindi riconducibile ad uno pneumatico logorato.

La ruota anteriore sinistra è la più sollecitata a Silverstone tanto che alla Mercedes, su quella ruota, avevano chiuso le aperture nel cestello che servono a riscaldare il cerchio con l'aria che viene dal  disco del freno e questo, appunto, perché la ruota è molto sollecitata e lo pneumatico si scalda abbastanza da solo senza il bisogno di un riscaldamento addizionale. Vettel è ancora davanti in classifica e nulla è perso ma la Coppa Costruttori si allontana.

Brutto, anzi bruttissimo, l'atteggiamento "lamentoso" di alcuni piloti che passano il tempo a protestare e chiedere continuamente sanzioni e provvedimenti per presunti sgarbi subiti dai colleghi e brutte, a mio avviso, anche le comunicazioni radio che vengono selezionate per essere mandate in onda: nella maggior parte banali e scontate e ripetitive (ormai il pilota che chiede di essere lasciato in pace è vecchia come certe barzellette su Pierino).

Ancora una volta l'Inghilterra si è dimostrata, nel bene e nel male, veramente un posto speciale per le corse di automobili mescolando tradizione, ricordi e modernità.

Le ultime news