Aggiornato al 07/12/2019 14:31:26
21/11/2019

FORMULA E 2019-2020 SI PARTE!

Parte a Diriyah in Arabia Saudita la nuova stagione del Campionato FIA Formula E che sta diventando sempre più ben frequentato. Dopo Nissan-Renault, Jaguar, Audi, DS, Mahindra, BMW scendono in pista ufficialmente anche Porsche e Mercedes rendendo la serie ancora più competitiva.

Il campione in carica Jean Éric Vergne pilota di punta di DS Techeetah non si tira indietro. Ha già dimostrato che il primo titolo 2017-1018 non era solo un colpo di fortuna con un'altra stagione stellare nel 2018-19, quando grazie ad altre tre vittorie è diventato il primo vincitore di più titoli nella storia della serie tutta elettrica. E JEV non ha ancora finito. Sostiene di "voler vincere ancora" e punta a diventare il "Lewis Hamilton della Formula E" dominando la serie per un lungo periodo di tempo.

La partenza di Lotterer per la Porsche significa che Vergne ha perso il suo più grande alleato, con il veterano tedesco sostituito da António Félix da Costa, un pilota molto apprezzato. Il portoghese ha una vasta esperienza e ha già vinto diverse gare.

Gli avversari in grado di ostacolare la corsa di JEV sono però molti. L'Audi è da sempre una protagonista di primo piano in Formula E con l’Audi Sport ABT Schaeffler, ha iniziato alla grande la sua avventura vincendo la prima gara del campionato completamente elettrico nel 2014/15. La storica coppia di piloti formata da Lucas Di Grassi e Daniel Abt ha portato al costruttore tedesco altre 11 vittorie da allora, rendendo la scuderia Audi una delle più vincenti della serie.

Il quinto posto nel campionato dei team è un risultato decente per la stagione di debutto, ma la BMW deve ora convertire il potenziale in vittorie se vuole davvero sfidare colossi come l'Audi, la Nissan e la Techeetah

Per BMW che si è affidata al team Andretti, la perdita di da Costa è un duro colpo, al suo posto è stato ingaggiato il giovane talento Maxi Günther, che arriva da una stagione di debutto convincente con la Geox Dragon. Il tedesco ha preso parte solo a 10 delle 13 gare nella scorsa stagione, ma è comunque riuscito a qualificarsi due volte per la Super Pole e ha ottenuto due quinti posti.

Confermato Alexander Sims che aveva concluso il campionato 2018-19 con un eccellente secondo posto a New York, dopo essersi qualificato in pole.

Porsche ritorna in un campionato per monoposto dopo trent’anni. Una preparazione meticolosa e ore di test rigorosi sulla vettura dovrebbero consentirle di poter dire la sua fin dall'inizio. André Lotterer è considerato uno dei migliori piloti nel paddock, nonostante finora non sia riuscito a salire sul gradino più alto del podio durante i suoi due anni in Formula E. Lo svizzero Neel Jani è l'altro pilota della Porsche e partecipa allo sviluppo della 99X Electric sin dall'inizio del progetto. Jani ha collaborato con Lotterer alla Le Mans negli ultimi tre anni, quindi il loro rapporto sarà fondamentale per portare la Porsche in testa alla classifica. Dopotutto, l'iconico marchio non partecipa alla Formula E per arrivare secondo.

Mercedes-Benz EQ è un’altra delle novità più attese dell'ABB FIA Formula E Championship 2029-2020. Il marchio tedesco cerca di replicare il suo successo in Formula Uno nella serie completamente elettrica. Il talentuoso Stoffel Vandoorne è affiancato dal campione di Formula 2 Nyck de Vries, che ha invertito la tendenza passando alla serie ecologica invece di unirsi, come da tradizione, alla Formula 1.

Nel 2018-19 Nissan e.dams aveva progettato l'auto più veloce sul giro secco, ma il suo innovativo propulsore a doppio motore è stato bandito. Per questa nuova stagione punta ovviamente su Sebastien Buemi - il pilota di maggior successo nella storia della Formula E – e sul britannico Oliver Rowland.

La Venturi Racing è sulla cresta dell'onda dopo la stagione di maggior successo di sempre, quella del 2018/19. Il team monegasco ha confermato Felipe Massa ed Edoardo Mortara. È stata avviata una nuova collaborazione con Mercedes-Benz EQ, che consente a Venturi di utilizzare il propulsore del gigante tedesco, nonché il sistema di raffreddamento, il telaio posteriore, le sospensioni posteriori, gli ammortizzatori, il software, l'elettronica di bordo ecc.

Quanto a Panasonic Jaguar Racing che ha ottenuto una storica vittoria con Mitch Evans a Roma, affianca al pilota neozelandese James Calado che arriva dai successi in GT con la Ferrari.

Le ultime news