Aggiornato al 22/09/2021 10:40:20

GLI ORI OLIMPICI RISPLENDONO NEL TEMPIO DELLA VELOCITÀ

Autore: Carlo Baffi

Nell’affascinante cornice dell’Autodromo di Monza, l’Automobile Club d’Italia ha celebrato i campioni azzurri dei recenti Giochi Olimpici di Tokyo, che hanno incontrato i media nell’area “Hospitality Garden”. A fare gli onori di casa il Presidente dell’Aci Angelo Sticchi Damiani, promotore dell’iniziativa. Presenti anche il Presidente del Coni Giovanni Malagò ed il Presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio Gabriele Gravina. “Sticchi Damiani mi ha chiamato mentre ero a Tokyo coi Giochi in corso, facendomi questa proposta - ha rivelato Malagò – ed ho subito accettato. Poi i nostri atleti hanno fatto la storia coi risultati.” Un’idea che rappresenta il giusto tributo ai protagonisti dello sport italiano, che ci hanno regalato un’estate indimenticabile, ricca di trionfi. Dalla conquista dei Campionati Europei di Calcio, alle Olimpiadi e Paralimpiadi, per arrivare all’Eurovolley femminile. E quale contesto migliore poteva essere scelto se non quello del Gran Premio d’Italia di Formula Uno, in uno scenario come il “Tempio della Velocità”? Ed in più con in sottofondo il sound delle monoposto di Formula 2 impegnate in gara 3. “L’anno scorso in piena pandemia – ha esordito il Presidente Aci – abbiamo avuto come ospiti medici ed infermieri. Ebbene anche questi atleti sono a loro modo degli eroi”. Parliamo di Marcel Jacobs, il velocista con gli altri tre frazionisti della 4 X 100: Patta, Tortu e Desalu. Del saltatore Gianmarco Tamberi, dei ciclisti Consonni, Lamon e Milan. Dei marciatori Palmisano e Stano. Banti e Tita per la vela, Cesarini e Rodini per il canottaggio. A chiudere la lunga lista, Busà per il karate e Dell’Aquila per il taekwondo. Sedici campioni su diciassette; mancava Filippo Ganna, impegnato negli Europei di ciclismo a Trento. Così come i trionfatori paralimpici, in quanto appena rientrati dal Giappone. In rappresentanza della Nazionale maggiore di calcio c’era Gravina, con la prestigiosa coppa vinta contro l’Inghilterra a Wembley. Presente anche il giovane Lorenzo Travisanutto, campione del mondo nel karting KZ2. Dalle parole dei medagliati è emersa anche la loro passione nei confronti del motorsport.


“Abito ad una decina di minuti da questa pista – ha spiegato Filippo Tortu – e sento il rombo dei motori che mi ha affascinato da sempre.” Curiosa la rivelazione di Tamberi “Il giorno prima delle nostre finali, io e Jacobs ci siamo divertiti sfidandoci con la F.1 alla Playstation”. E Jacobs, incalzato dai giornalisti ha aggiunto – "quando sabato ho simulato lo scatto ai blocchi di partenza, con le F.1 dietro di me pronte a disputare la Sprint-Qualifyng, ero quasi più emozionato che nello stadio di Tokyo".

Nel corso della conferenza stampa, Sticchi Damiani ha colto l’occasione per ricordare che nel 2022, l’Autodromo di Monza taglierà il traguardo dei cento anni”. Abbiamo bisogno dell’aiuto del Governo per celebrare al meglio questo evento importante. Allo stesso modo – ha proseguito il Presidente Aci – sarebbero necessari supporti per sostenere l’unico pilota italiano presente in F.1, Antonio Giovinazzi, che è bravo. In altre parti del mondo, i governi danno una mano reale ai giovani talenti”. Un appello condiviso anche dal Presidente Gravina che sottolinea: ”Ci troviamo davanti ad interlocutori poco sensibili e gradiremmo avere pari dignità a tutti gli altri settori dell’economia. Non basta una semplice pacca sulla spalla, perché lo sport ha un peso notevole”. Stessa filosofia di pensiero espressa anche dal numero uno del Coni Malagò:” Servono risposte concrete, anche lo sport influisce sui flussi economici. Quest’immagine vincente dell’Italia, ha fatto il giro del mondo e siamo diventati un modello di caratura internazionale”. I medagliati hanno poi fatto visita al paddock, ospiti della Ferrari dove sono stati accolti dal Presidente John Elkann e dal nuovo Ceo Benedetto Vigna. Ovviamente non sono mancate le foto di rito insieme ai vertici dello sport nazionale e del Circus. Jacobs ha infine avuto l’onore di sventolare la bandiera a scacchi che ha sancito il trionfo di Daniel Ricciardo sulla McLaren-Mercedes.


Le ultime news