Aggiornato al 02/07/2020 11:20:38
22/03/2010

HOLOWCZYC E FORTIN VINCONO L’ITALIAN BAJA

L’albo d’oro dell’Italian Baja è firmato per la prima volta da Krzystof Holowczyc. Il pilota polacco, già protagonista del mondiale ed europeo rally e oggi delle maratone Cross Country al volante di un Nissan Navara, ha interrotto l’egemonia del russo Boris Gadasin, mattatore delle ultime edizioni della classica fuoristradistica friulana ma che in questa occasione non ha raggiunto il traguardo di Spilimbergo.
 
Holowczyc si è aggiudicato la gara dopo essere passato in testa nel primo giorno di gara ed aver dominato la seconda tappa. Il polacco ha vinto con un vantaggio di 3’49” sui secondi classificati, i russi Novitskiy – Evtekhov, G Force Proto, e con 6’44” sugli ungheresi Fazekas – Maurer a bordo di un BMW X5, ma i piloti italiani non hanno sfigurato nel confronto con gli specialisti europei e sino a quando è stato in gara, il campione italiano in carica Riccardo Colombo, ha occupato la quinta piazza assoluta.
A rallentare il milanese di RalliArt Divisione Fuoristrada Italia, ci ha pensato la perdita d’acqua del radiatore ed una successiva toccata nel corso della seconda tappa.
 
Fuori scena l’asso italiano, è stato il veneto Giovanni Manfrinato a raccogliere il testimone tricolore e tagliare il traguardo di Spilimbergo con il suo Renault Megane Proto, chiudendo settimo assoluto e primo tra gli italiani pur avendo patito la rottura del semiasse posteriore sinistro.

 

Maurizio Traglio è secondo tra gli italiani assieme a Erika Pajer sul Nissan Pathfinder, davanti a Mario Ricci, terzo con il Nissan Navara.

 

L’insidioso tracciato lungo il Tagliamento, che ha tradito Lorenzo Codecà nell’iniziale Super Speciale costringendolo al ritiro, ha viceversa permesso un’esaltante sfida nella prima prova del Suzuki Challenge. La vittoria è andata al campione in carica Andrea Lolli, al termine di un serratissimo duello con Giorgio Fichera, campione siciliano che dopo aver preso il comando ha accusato la rimonta dell’avversario, quindi sbattuto ritirandosi negli ultimi chilometri di gara. Secondo del monomarca risulta così Massimo Mancusi e terzo Nicola Gelosa. Al traguardo di Spilimbergo, Lolli è secondo del Gruppo T2.

 

Nel Gruppo TH affermazione dei modenesi Bertoni e Vanni al volante di un Suzuki Grand Vitara, con 7’42” su Colledan – Cagnin a bordo di un Pajero Pinin, terzi Zoppellaro – Gecchele su Daihatsu Rocky 2.8 TD.

 

Classifica Assoluta FIA

1. Holowczyc - Fortin (Nissan Navara) in 3h40'01”; 2. Novitskiy - Evtekhov (G-Force Proto) a 3’49'”; 3. Fazekas – Maurer (BMW X5) a 6’44”; 4. Szalay – Lukas (Opel Antara RR) a 7’54”; 5. Van Cauwenberge - Vyncke (Nissan Navara 4.0) a 9’47”; 6. Porizek – sykora (BMW X5) a 15’38”; 7. Manfrinato - Condotta (Renault Megane Proto) a 16'37”; 8. Traglio – Pajer (Nissan Pathfinder) a 18’24”; 9. Loomans – Driesmans (Nissan) a 21’13”; 10. Ricci – Fattori (Nissan Navara Ermolli) a 26’43”.

 

Classifica gara CI Cross Country Rally

1. Manfrinato - Condotta (Renault Megane Proto) in 3h56’38”; 2. Traglio - Pajer (Nissan Pathfinder) a 1’47”; 3. Ricci - Fattori (Nissan Navara Ermolli) a 10’05”; 4. Bombelli - Fiorini (Mitsubishi Pajero DID T2) a 13’55”; 5. De Angelis - Fabiano (Suzuki Grand Vitara 2.7 V6) a 15’07”; 6. Lolli – Forti (Suzuki Grand Vitara 1.9 Ddis) a 18’11”; 7. Tassi – Catarsi (Mitsubishi Pajero 3.2 DID) a 26’48”; 8. Mancusi – Musi (Suzuki Grand Vitara 1.9 Ddis) a 27’32”; 9. Bertuzzi – Risi (Suzuki Grand Vitara T1) a 30’34”; 10. Salvi – Salvi (Mitsubishi Pajero 3.2 DID) a 30’41”.

 

Classifica CI Cross Country Rally ufficiosa

Piloti 1. Manfrinato punti 34,8; 2. Traglio 20,4; 3. Bombelli 16,8; 4. Ricci 10,8; 5. Lolli 7,2.

 
 
Nella foto, il Renault Megane Proto di Manfrinato - Condotta
Le ultime news