Aggiornato al 08/07/2020 08:34:21
05/10/2014

IL “NIDO DELL’AQUILA” A SPAGOLLA-BARDINI

E’ il vicentino Mauro Spagolla, con una Ford Fiesta WRC, il vincitore del Nido dell’Aquila, primo appuntamento del Challenge Raceday Ronde Terra 2014-2015.

Spagolla, affiancato da Justin Bardini, ha condotto una gara tutta all’attacco, passando al comando dal secondo passaggio sulla prova speciale, riuscendo a vincere di forza contro avversari che non gli hanno mai dato modo di poter prendere il volo in classifica.

Dopo un avvio sofferto per un problema agli pneumatici, Spagolla, alla sua seconda gara con la Ford, dalla seconda prova è balzato al comando lasciando dietro un’accesa bagarre. Secondo assoluto ha chiuso Luca Bertin, al via con una Citroen C4 WRC, che guidava qui per la terza volta. Bertin ha tallonato per la seconda parte di gara Francesco Fanari, su una Mitsubishi Lancer Evolution Gruppo N, che si è visto soffiare la posizione d’onore all’ultima tornata di gara.

Fuori dall’attico della classifica, in quarta posizione, il finlandese Teemu Arminen, davanti a Luciano Cobbe, affiancato da Turco  su una Ford Focus WRC, che ha avuto ragione nel finale di Giuseppe Grossi, in coppia con Pavesi, a bordo di una Mitsubishi Lancer Evo IX . Con la Peugeot 208 T16 R5, che guidava per la prima volta, Mauro Trentin ha chiuso settimo, mentre il rientrante Maurizio Ferrecchi, con la sua Ford Focus WRC ha finito ottavo, superando nell’ultima prova, Federico Della Casa, nono con una 208 T16 R5. La top ten è stata completata da Andrea Succi, con Giancarla Guzzi alle note, su una Mitsubishi Lancer Evo IX.

Tra le vetture a due ruote motrici, ha svettato la Citreon DS3 R3 di Tullio Versace su Alessandro Landini (Suzuki Swift), mentre Elia Chiaruzzi, il leader della categoria nelle prime due prove, si è fermato per problemi all’idroguida della sua Renault Clio R3.

 

 

Nella foto, la Ford Fiesta WRC di Mauro Spagolla

Le ultime news