Aggiornato al 19/11/2019 05:31:29
14/07/2016

IRC: 119 ISCRITTI AL RALLY DEL CASENTINO

Il 36° Rally Internazionale del Casentino, seconda prova dell’International Rally Cup Pirelli 2016, che si fregia del coefficiente 1,5 e valido anche per la Mitropa Cup Rally, ha sfiorato quota centoventi iscritti, ma soprattutto registra una presenza qualitativa di equipaggi e vetture di punta (ben dieci vetture World Rally Car e undici vetture R5). Sono numeri in netta controtendenza rispetto ai partenti delle gare del CIR, che ha una media di 62 vetture verificate a gara, con una punta massima di 91 alla Targa Florio e minima di 37 al San Marino, e dello stesso CIWRC, che pure arriva a 76 verificati per gara, con punta massima di 111 al 1000 Miglia.

E’ la riconferma del successo dell’IRC, che propone gare di indubbio fascino, tutte su asfalto, e un ricco montepremi che va a coprire un po’ tutte le classi.

Quest’anno, l’IRC è articolato su sole tre gare, dopo aver rilanciato l’Elba verso il tricolore. Piuttosto che rimpolpare il calendario, o peggio spezzettare i punteggi…gli organizzatori hanno adottato il criterio del coefficiente crescente 1, 1.5, 2, per rendere il campionato interessante fino alla fine, e fidelizzare i protagonisti.

Dunque a Bibbiena ci saranno tutti. C’è Luca Rossetti, uno che a casa ha in bacheca titoli Europei e Italiani Rally e che è stato pilota ufficiale Abarth e Peugeot, leader della classifica assoluta Irc, dopo la vittoria al Taro (nella foto il podio della prima gara dell’IRC 2016),  con la Skoda Fabia R5 Dp Autosport. Rossetti dovrà vedersi le spalle da una muta agguerrita di  World Rally Car. In particolare dalla Citroen Ds3 D-Max del giovane Alessandro Re, strepitoso al rally del Taro, dalla Hyundai i20 Hmi del campione in carica Corrado Fontana, dalla Ford Focus D-Max di Felice Re, che torna alla “vuerrecì” in una gara che gradisce in particolare. Cinque le Ford Fiesta Wrc.  Manuel Sossella torna sulla vettura inglese, colorata Tamauto,  Rudy Michelini sale su quella PA Racing, Elwis Chentre debutta in gara nell’Irc con quella A-Style, Cresci avrà quella della Delta Rally,Andrea Dal Ponte con quella A-Style. Chiude il plotone “Wrc” Gigi Fontana con la Ford Focus Gma.

Affollato anche il “garage” pre-Casentino delle “errecinque” di alto livello. Ad eccezione del frusinate Tonino Di Cosimo, lo scorso anno sul podio finale Irc, che quest’anno dispone di una Skoda Fabia R5 Errepi Motorsport, tutti gli altri sono al volante di Ford Fiesta. E’ il caso  di Luca Ambrosoli, di Giuseppe Freguglia,  Riccardo Gatti, Marco Paccagnella, e William Marti.

Tra i non iscritti all’IRC si segnalano Stefano D’Aste, il pistaiolo genovese driver ufficiale Lotus Motorsport, che si cimenta in un rally “vero”, dopo varie partecipazioni al Monza Rally Show, con la Ford Fiesta R5 D-Max. Al via anche Stefano Albertini, già protagonista nell’Irc versante Trofei Renault, che tornacon la Ford Fiesta versione Wrc del team Tamauto. Altro nome “pesante” quello di Andrea Nucita il pilota siciliano, reduce da un  grande rally Targa Florio che sarà della partita con la Ford Fiesta R5 Twister Corse. Da seguire anche il pilota greco Diamantis Tzampazis, che ama ogni tanto gareggiare in Italia, e lo farà con una Skoda Fabia R5. Di sicuro fascino la presenza della Porsche 996 Rgt del tedesco Wolfram Thull.

Il rally Internazionale del Casentino ricalca il percorso dello scorso anno, con la conferma delle novità di successo introdotte nel 2014. Come la partenza anticipata al venerdì e la disputa, nella serata del 15 luglio, della speciale numero 1 “Bibbiena”, una speciale-spettacolo disegnata all’interno del centro della cittadina di Bibbiena. Sempre venerdì sera, al termine della speciale spettacolo, e prima dell’ingresso in Parco Chiuso, immancabile la “passerella” con presentazione di tutti gli equipaggi sul palco in viale Garibaldi a Bibbiena.

Sabato 16 luglio, a partire dalle ore 10,31 nuova partenza del rally da Bibbiena, per affrontare le otto prove speciali della giornata, con nell’ordine Dama, Caiano, Barbiano, poi Crocina e Dama, seguite da Caiano e Barbiano, per concludere con i 36 km della Talla, in notturna. Arrivo finale a Bibbiena, in viale Garibaldi, a partire dalle ore 22.48, dopo avere disputato ben 141 km di prove speciali.

 

Le ultime news