Aggiornato al 04/03/2021 02:05:42
17/10/2010

IRC: HANNINEN VINCE IN SCOZIA E CONQUISTA IL TITOLO PILOTI

Autore: GBC

Juho Hänninen, con Mikko Markkula  alle note, ha conquistato la sua terza vittoria dell'anno nell’IRC battendo Andreas Mikkelsen nel Rally di Scozia. Con la vittoria gli il pilota finlandese della Skoda diventa irraggiungibile per i suoi rivali al titolo piloti di quest'anno e Hänninen sarà incoronato ufficialmente campione IRC dopo il rally di Cipro, ultima prova del campionato 2010.

Soltanto nove piloti sono stati classificati al termine di una gara che ha messo a dura prova i piloti e le vetture.

Kris Meeke ha terminato terzo con la Peugeot anche se problemi meccanici lo avevano attardato di quasi due minuti all’inizio dell’ultimo giorno.

Mikkelsen, nel frattempo, era combattuto tra la voglia di spingere per la vittoria e il dover conquistare il primo podio dell'anno per il suo team e così alla fine ha accumulato più di 25 secondi di ritardo su Hänninen.

 

La battaglia a tre nel gruppo N fra le Lancers di David Bogie, Euan Thornburn e  Jonathan Greer ha visto prevalere Bogie, alla fine quarto assoluto.

 

Burcu Çetinkaya, con l’ottavo posto assoluto, è diventata il primo driver femminile a terminare a punti una gara dell’ IRC anche se con problemi alla sua scatola del cambio della sua Peugeot 206 Türkiye.

 

Il risultato del Rally of Scotland

 

1. Juho Hanninen/Mikko Markkula (FIN), Skoda Fabia S2000, 2hrs01m07.4s

2. Andreas Mikkelsen/Ola Fleune (NOR), Ford Fiesta S2000, +25.5s

3. Kris Meeke/Phil Pugh (GBR), Peugeot 207 S2000, 3m24.2s

4. David Bogie/Kevin Rae (GBR), Mitsubishi Lancer Evo IX, 12m01.3s

5. Siim Plangi/Marek Sarapuu (EST), Honda Civic Type R, +14m39.0s

6. Eamonn Boland/MJ Morrissey (IRL), Mitsubishi Lancer Evolution IX, +16m38.8s

7. Burcu Cetinkaya/Cicek Guney (TUR), Peugeot 207 S2000, +16m56.1s

8. Harry Hunt/Sebastian Marshall (GBR), Ford Fiesta R2, +21m39.5s

9. Daniel Barry/Martin Brady (IRL), Mitsubishi lancer Evolution IX, +23m46.5s
 
 
Nella foto, la Skoda Fabia di Juho Hanninen