Aggiornato al 25/05/2019 01:22:21
21/02/2019

TEST F1 BARCELLONA: HULKENBERG MIGLIOR TEMPO CON LE C5

Nico Hulkenberg chiude la prima parte dei test di Barcellona conquistando con la Renault il miglior tempo assoluto di 1’17”393 con la R.S.19 con le gomme C5, le più morbide della nuova gamma Pirelli per il 2019 e risale anche il compagno Ricciardo che ha ottenuto il terzo tempo.

In evidenza ancora una volta la Toro Rosso motorizzata Honda che si è piazzata al secondo posto con Alexander Albon e la power unit giapponese si è dimostrata affidabile anche oggi con 136 giri completati dal rookie tailandese.

La quarta giornata di prove ha visto anche le Mercedes passare alle gomme più morbide a cercare il tempo e Bottas ed Hamilton hanno chiuso rispettivamente al quarto e quinto posto.

Per quanto riguarda la Ferrari, il team ha continuato a lavorare con le gialle C3 e Leclerc ha ottenuto il sesto tempo della giornata ma facendo segnare anche la miglior prestazione della Rossa in questi primi quattro giorni di prove con 1’18”046.

Alle sue spalle la McLaren di Lando Norris che dopo aver girato a lunghe con le gomme più dure C2 e C1, “calzate” le C4 è riuscito a portarsi in settima posizione con 1’18”431 precedendo Antonio Giovinazzi con l’Alfa Romeo (C3) che è stato il più presente in pista con 154 giri.

Nona e decima posizione per le Haas, con Romain Grosjean (C4) e Kevin Magnussen (C3), seguiti dalla Red Bull di Pierre Gasly, anche lui in pista con le C3 e che ha completato 146 giri con la power unit Honda che finora si è dimostrata sempre affidabile.

Meno decifrabili le prestazioni della Racing Point che oggi ha chiuso dodicesimo con 1’19”664, ma ottenuto con le “dure” C2, mentre la classifica è completata dalle due Williams di Russell e Kubica che dopo il debutto di ieri si può dire che sono stati impegnati in lavori “di base” e per vedere qualcosa di più concreto si dovrà attendere la seconda serie di test della prossima settimana.

“Siamo soltanto all’inizio del lavoro, ma il comportamento dei pneumatici è finora in linea con quanto avevamo previsto, con un divario pari a sei o sette decimi tra ciascuna mescola. Più nel dettaglio, al momento tra C2 e C3 ci sono circa sei decimi, così come tra C3 e C4, le mescole più usate in questa prima settimana di test” ha commentato a fine test Mario Isola della Pirelli. “Le temperature invernali hanno contribuito ad alcuni casi di graining, un fenomeno che dovrebbe sparire con le condizioni più calde che troveremo qui in campionato. Ci sono molte variabili da considerare se si vogliono confrontare questi test con quelli del 2018. Quest’anno, ad esempio, ci sono nuovi regolamenti tecnici che interessano l’aerodinamica e le monoposto sono più pesanti. Inoltre abbiano notato un’evoluzione dell’asfalto di Barcellona rispetto al 2018, ora più abrasivo e con maggiore aderenza meccanica. In questi giorni le monoposto hanno dimostrato un livello molto alto in termini di performance e affidabilità, grazie anche alle condizioni meteo favorevoli. Nella seconda sessione il lavoro dei Team dovrebbe concentrarsi maggiormente sulle prestazioni, esplorando così tutte le potenzialità della gamma P Zero 2019”.

F1 Test Barcellona – Day 4

 

Pilota

Team

Tempo

Distacco

Giri

1

Nico Hulkenberg

Renault

1’17”393

 

24

2

Alex Albon

Toro Rosso

1’17”637

+0.244

136

3

Daniel Ricciardo

Renault

1’17”785

+0.392

34

4

Valtteri Bottas

Mercedes

1’17”857

+0.464

57

5

Lewis Hamilton

Mercedes

1’7”977

+0.584

58

6

Charles Leclerc

Ferrari

1’18”046

+0.653

138

7

Lando Norris

McLaren

1’18”431

+1.038

132

8

Antonio Giovinazzi

Alfa Romeo

1’18”511

+1.118

154

9

Romain Grosjean

Haas

1’18”563

+1.170

64

10

Kevin Magnussen

Haas

1’18”720

+1.327

66

11

Pierre Gasly

Red Bull

1’18”780

+1.387

146

12

Lance Stroll

Racing Point

1’19”664

+2.271

72

13

George Russell

Williams

1’20”997

+3.604

17

14

Robert Kubica

Williams

1’21”542

+4.149

48

Le ultime news