Aggiornato al 20/09/2020 09:38:42
17/03/2013

VARELA E CODECĄ I VINCITORI ALL'ITALIAN BAJA

Reinaldo Varaldo, navigato da Gugliemin a bordo dell´Overdrive Proto, ha vinto per la prima volta nell'albo d'oro della Italian Baja. Il pilota sudamericano, ha controllato nelfinale il tentativo d´attacco di Holowczyc e Schulz con la Mini All4 Racing. Terzi sono i francesi Schlesser e Konstantin, sul prototipo del pilota costruttore francese.

La classifica della serie Tricolore ha visto terminare al comando equipaggio della Suzuki Grand Vitara 3.6 Codecà e Pajer davanti a Franco Grigoletto secondo al rientro con il Toyota Hilux. Terzi della classifica tricolore in gara, e primi del T2, sono Lucio e Carmine Salvi, che con la Mitsubishi Pajero Ralliart si sono anche classificati al quinto posto del T2 internazionale  davanti al compagno di squadra Elvis Borsoi, sempre con il Mitsubishi Pajero Ralliart, rallentato da alcuni problemi nella seconda giornata di gara.

S’è conclusa con la quinta posizione assoluta la gara di Andrea Lolli, che con il Suzuki Grand Vitara è terzo del T2, ma primo del Suzuki Challenge. Nel Gruppo T3, la vittoria va a Diego Salerno, l’unico dei tre iscritti alla gara ad aver raggiunto il traguardo di Pordenone a bordo del suo Polaris Razor, mentre è Alberto Gazzetta ad aggiudicarsi il Gruppo TH.

 

Classifica dopo undici settori selettivi

1. Codecà-Pajer (Suzuki New Gran Vitara) in 4’01’26”; 2. Grigoletto-Marchi (Toyota Hilux) a 5’45”; 3. Salvi-Salvi (Mitsubishi Pajero) a 23’41”; 4. Borsoi-Rossi (Mitsubishi Pajero) a 23’56”; 5. Lolli – Forti (Suzuli Grand Vitara 1.9 DDiS) a 26’32”; 6. Salerno – Pollarolo (Polaris Razor) a 35’35”; 7. Dalmazzini-Amadori (Suzuki Vitara) a 39’18; 8. Mora – Lattanzi (Mitsubishi L200 E) a 39’47”; 9. Facile – Pasian (Suzuki Grand Vitara 1.9) a 43’06”; 10. Gazzetta-Pizzato (Suzuki Vitara) a 45’15”.

 

Nelle foto, il Suzuki di Codecà e Pajer e quello di Lolli e Forti