Aggiornato al 21/10/2017 14:10:27
27/07/2017

WEC: PORSCHE PRONTA AD ANNUNCIARE IL SUO RITIRO

Da diverso tempo si parla del possibile abbandono della casa tedesca, ormai sazia dopo i successi nel mondiale e le tre vittorie consecutive alla 24 Ore di Le Mans, ritiro che farebbe seguito a quello della cugina Audi della scorsa stagione.

“Il futuro di Porsche nel WEC verrà stabilito entro fine mese” aveva detto al Nurburgring Andreas Sedl, il Team Principal della Casa di Zuffenhausen e e la decisione potrebbe esser presa nella riunione a Stoccarda con una scelta che potrebbe essere già stata decisa visto che un duello a due (attualmente con la Toyota) non sembra giustificare gli ingenti investimenti richiesti per la partecipazione al WEC e che il regolamento tecnico 2020 ha presentato a le Mans non sembra così attraente per i dirigenti Porsche.

Se la Porsche, che ha stipulato un accordo per partecipare al WEC fino al 2018, dovesse lasciare la serie, nella classe regina resterebbe solo la Toyota che sì potrebbe cogliere finalmente il gran risultato della vittoria alla 24 Ore, ma sarebbe un successo “dequalificato” dal non avere rivali diretti. Il ritiro della Porsche comporterebbe un danno di immagine e di credibilità al WEC, che passerebbe praticamente ad una sfida tra le vetture LMP2 e le GT.

Da mesi si vocifera di un ritorno della Peugeot nella serie, o solo alla 24 di Le Mans che la Casa del Leone aveva vinto nel 2009, ma considerati i tempi di progetto e di sviluppo di una vettura LMP1 Hybrid è quasi impossibile che i francesi possano impegnarsi nell’impresa con l’attuale regolamento tecnico.

Se la decisione sarà presa, la Casa di Stoccarda potrebbe impegnarsi in Formula E, probabilmente dal 2019, visto anche che nei progetti futuri ha il lancio nel 2020 di auto completamente elettriche, ritrovando la “cugina” Audi oltre a Mercedes e Bmw che hanno anche loro confermato il loro arrivo ufficiale nella serie.

Con il disimpegno dal WEC si rafforza anche l’ipotesi di un’entrata in Formula 1 come fornitore di motori. Per ora sono solo voci (ma che sembrano molto credibili) e ipotesi per le quali non dovremmo aspettare molto per averne la certezza.

Le ultime news