Aggiornato al 19/08/2019 08:25:38
07/03/2019

WRC MESSICO: CONFRONTO SULLA TERRA

La giusta motivazione sarà fondamentale per vincere questo Rally, una sfida unica nel suo genere perché racchiude tre grandi difficoltà: correre su ghiaia, in alta quota e in condizioni di caldo intenso. Si parte con i colori della Street Stage a Guanajuato, per poi salire nella splendida cornice montuosa di Sierra de Lobos e Sierra Guanajuato. In uno scenario mozzafiato gli equipaggi affronteranno una serie di prove estenuanti che porteranno piloti, copiloti e auto alla volata finale.

Tra le sfide più importanti l’impressionante El Brinco, la più alta vetta della stagione a oltre 2.700 metri, ed El Chocolate, che presenta un nuovo entusiasmante salto per il 2019. Con un’altitudine media di 2.200 metri, abbinata a una temperatura che sfiora spesso i venticinque gradi, questa prova del Mondiale costituisce una vera e propria sfida dal punto di vista tecnico. Gli ingegneri devono effettuare un lavoro approfondito sulla mappatura del motore per limitare la perdita di potenza, e prestare anche particolare attenzione al raffreddamento del motore, dei componenti idraulici e dei freni, a causa della mancanza di ossigeno legata all'alta quota.

Anche la scelta degli pneumatici riveste un’importanza fondamentale dall’altra parte dell’Atlantico. Poiché l'usura è meno significativa del solito a causa delle strade relativamente sabbiose e della potenza ridotta delle WRC, le squadre devono valutare, nonostante il caldo, se optare per le gomme Michelin a mescola dura o media.

E’ in questo scenario che andrà in scena il terzo appuntamento iridato 2019 e il confronto tra i tre aspiranti al titolo piloti: Ott Tänak con la Toyota, Thierry Neuville con la Hyundai e Sébastien Ogier con la Citroën, che partiranno nell’ordine nella tappa di venerdì. Sono tutti e tre in condizione di attaccare. Tänak cerca il bis al successo svedese per allungare in classifica e mettere in atto una prima fuga, Neuville cerca la prima vittoria 2019 e Ogier deve recuperare i punti persi in Svezia. Sarà interessante seguire anche i due di M-Sport, Suninen ed Evans, e i compagni di squadra dei primi tre, con Toyota che schiera Latvala e Meeke, già vincenti a queste latitudini, mentre Dani Sordo, che rileva Loeb sulla Hyundai arriva in Messico gasato dal successo al Rally Fafe in Portogallo corso per allenarsi sulla terra in visto della sua prima gara iridata dell’anno.

Questo il programma della quattro giorni messicana:

GIOVEDÌ 7 MARZO

10:00: Shakedown (Llano Grande)
18:00: Partenza giorno 1 (Leon)
20:08: PS 1 – Street Stage GTO (1,14 km)
21:38: Arrivo giorno 1 (Leon)

VENERDÌ 8 MARZO

09:00: Partenza giorno 2 e assistenza A (Leon – 15')
10:18: PS 2 – El Chocolate 1 (31,57 km)
11:16: PS 3 – Ortega 1 (17,28 km)
12:59: PS 4 – Street Stage Leon 1 (1,11 km)
13:34: Assistenza B (Leon – 40')
15:17: PS 5 – El Chocolate 2 (31,57 km)
16:15: PS 6 – Ortega 2 (17,28 km)
17:18: PS 7 – Las Minas (10,72 km)
18:58: PS 8 – V-Power Shell Stage 1 (2,33 km)
19:03: PS 9 – V-Power Shell Stage 2 (2,33 km)
20:03: Flexy service C (Leon – 45')

SABATO 9 MARZO

07:15: Partenza giorno 3 e assistenza D (Leon – 15')
08:23: PS 10 – Guanajuatito 1 (25,90 km)
10:11: PS 11 – Otates 1 (32,27 km)
11:08: PS 12 - El Brinco 1 (8,13 km)
12:53: Assistenza E (Leon – 40')
14:31: PS 13 – Guanajuatito 2 (25,90 km)
16:29: PS 14 – Otates 2 (32,27 km)
17:38: PS 15 – El Brinco 2 (8,13 km)
19:03: PS 16 – V-Power Shell Stage 3 (2,33 km)
19:08: PS 17 – V-Power Shell Stage 4 (2,33 km)
19:51: PS 18 – Street Stage Leon 2 (1,11 km)
20:21: Flexy service F (Leon – 45’)

DOMENICA 10 MARZO

08:00: Partenza giorno 4 e assistenza G (Leon – 15’)
09:03: PS 19 – Alfaro (24,38 km)
10:11: PS 20 – Mesa Cuata (25,07 km)
12:18: PS 21 – Las Minas Power Stage (10,72 km)
13:53: Assistenza H (Leon – 10’)
15:00: Podi
Le ultime news